Emozioni: l’istruzione del futuro per un mondo più felice

emozioni

 

Che cos’è esattamente l’istruzione? Oggi molti la considerano un’opportunità per imparare, prosperare ed eccellere nel mondo. Altri la considerano come un passo necessario per ottenere un pezzo di carta che assicura l’ingresso nel mondo professionale. A prescindere dal significato che le si può dare, tuttavia, una cosa è certa: fin dalla più tenera età siamo costretti a seguire un sistema che richiede la nostra presenza e attenzione per ore al giorno e per anni della nostra vita. Ogni bambino è tenuto a imparare una versione accettata della realtà per adattarsi allo specifico stampo desiderato dall’elite. Proprio come la televisione, gran parte della scuola ci sta semplicemente programmando.

Forse è per questo che Mark Twain ha detto: “Non ho mai lasciato che l’istruzione interferisca con la mia intelligenza” o perché Einstein ha detto al mondo di “non confondere mai l’istruzione con l’intelligenza” e che “l’educazione è ciò che resta dopo aver scordato ciò che si ha imparato a scuola”.
Impariamo concetti e idee che rientrano nell’attuale paradigma della società, ma non impariamo come prenderci cura di noi stessi e diventare adulti adeguati. Siamo veramente istruiti? O semplicemente cresciuti per diventare consumatori “buoni”?

“Non voglio una nazione di pensatori, voglio una nazione di lavoratori”.
– John D. Rockefeller-

Infatti, prima della fine del 1800, l’istruzione era una pratica privata che si svolgeva in istituzioni private o attraverso la scuola a casa. Tutto questo è cambiato nel 1902 quando John D. Rockefeller ha creato il “General Education Board” in collaborazione con Frederick T. Gates. Il comitato educativo generale è stato responsabile del finanziamento del sistema scolastico pubblico americano e ha fornito più di 100 milioni di dollari nel 1902, e negli anni a venire.
L’istruzione non svolge un ruolo importante nel manipolare la coscienza degli esseri umani?
Secondo il sociologo Thomas Scheff, un grande sostenitore dell’educazione emotiva dell’Università della California, molte società occidentali semplicemente considerano le emozioni come indulgenza o distrazione, e meno importanti di altre cose. Ci insegnano spesso a seppellire le nostre emozioni in modo da poter essere più produttivi e ci fanno sentire come se le nostre emozioni non fossero così rilevanti o importanti; sembrano sempre secondarie, soprattutto all’interno di un ambiente educativo e lavorativo. Scheff, tra molti altri, ritiene che le emozioni forniscano informazioni preziose, eppure ci viene insegnato a non ascoltarle. “Proprio altrettanto pericoloso”, ha detto Scheff, “è la pratica di nascondere un’emozione dietro un’altra”. Ha scoperto che “gli uomini, in particolare, tendono a nascondere i sentimenti di vergogna con la rabbia, aggressione e, troppo spesso, violenza”.

Molti dei problemi che nascono nelle nostre vite derivano dal fatto che in realtà non abbiamo idea di come elaborare o affrontare le nostre emozioni. A causa di questa mancanza nella nostra istruzione, un bambino che non ha prestato alcuna attenzione al proprio corpo emotivo sviluppa cattive abitudini e comportamenti per compensare, fino a quando, non imparerò ad elaborare correttamente le sue emozioni.

L’Istituto delle Scienze Noetiche sta facendo un grande lavoro in questo settore, creando più consapevolezza sui nostri pensieri / emozioni che hanno sempre un effetto osservabile sulla realtà materiale, fisica.
Un’organizzazione di ricerca e formazione non riconosciuta a livello internazionale, l’Istituto di HeartMath si dedica ad aiutare le persone a ridurre lo stress, a regolare le emozioni e a costruire una vita sana e felice. Gli strumenti, la tecnologia e la formazione HeartMath insegnano alle persone di affidarsi all’intelligenza dei loro cuori in concerto con quella delle loro menti, sia in casa che a scuola, a lavoro e nel gioco. Hanno scoperto che le informazioni emotive sono “effettivamente codificate e modulate” nel campo magnetico che circonda tutte le cose viventi.

Come direttore della ricerca di HeartMath, il dottor Rolin McCratey dice: “Imparando a spostare le nostre emozioni, cambiamo le informazioni codificate nei campi magnetici che vengono irradiati dal cuore e che possono influenzare le persone intorno a noi. Siamo profondamente tutti connessi e con il pianeta stesso”.

Uno dei programmi più popolari per iniziare l’insegnamento delle emozioni è stato sviluppato nel 2005 da Marc Brackett, David Caruso e Robin Stern del “Yale Center for Intelligence Emotional” e si chiama RULER.

Il Centro svolge attività di ricerca e insegna a persone di tutte le età come sviluppare la loro intelligenza emotiva “.

Il nome, RULER, è un acronimo dei suoi cinque obiettivi: riconoscere le emozioni in se stessi e negli altri; comprendere le cause e le conseguenze delle emozioni; etichettare esperienze emozionali con un vocabolario accurato e diversificato ed esprimere e regolare le emozioni in modi che promuovano la crescita personale.
Gli insegnanti del progetto RULER cercano di far comprendere la causa di un’emozione che si sta vivendo piuttosto che sprecare energia per cercare di definirla in modo preciso. Grace Rubenstein da Ted.Ideas riporta:
“Quando un’emozione ti colpisce, la comprensione dei suoi contorni tematici può aiutare “a chiamarla per metterla a fuoco”. Anche se la rabbia è vissuta in modo diverso da persone diverse, spiega, “il tema alla base della rabbia è la stessa cosa. È ingiustizia. Il tema che sottende la delusione è un’aspettativa non soddisfatta. Il tema che sottende la frustrazione è la sensazione di essere bloccati sul vostro cammino verso un obiettivo.
Basta prendersi il tempo di contemplare un’emozione quando la senti, e pensare al motivo per cui potrebbe essere nata.
Le emozioni sono qualcosa che tutti noi sperimentiamo, ma non abbiamo indicazioni o consigli su ciò che dovremmo fare con loro.
I ricercatori del Centro Yale per l’Intelligenza Emotiva hanno scoperto che le i ragazzi che frequentano òe scuole RULER vivono con minore ansia e depressione, maggiore leadership studentesca e voti superiori.
Includendo l’istruzione emotiva nel sistema scolastico credo che le generazioni future sarebbero molto meno depresse, arrabbiate e confuse. Aiuterebbe i ragazzi a gestire le situazioni difficili nella loro vita, e a trovare molto più facile esprimere i loro sentimenti in modo sano e produttivo.

Fonte: http://www.collective-evolution.com/2017/08/26/why-emotions-should-be-taught-in-schools-rather-than-ignored-and-suppressed/

.......................................................................

Finalmente il Primo Master completo di PNL gratuito online

<

Il video più visto su youtube per riaprire il tuo Terzo Occhio e sviluppare la tua intuizione

Daniele Penna rende pubblico il proprio Whats App per potergli porre le tue domande... Guarda il video

Vuoi comprendere come mai la tua vita non è come la desideri e perchè le cose ti vanno storte? Ecco uno dei video di Risveglio più importanti

In questa sezione riportiamo una serie di libri consigliati per la propria crescita personale. Cliccandoci potrai acquistarli direttamente ai prezzi migliori del web.

Risveglio, Fisica Quantistica, Legge d'Attrazione

 

PNL Programmazione Neuro Linguistica

 

Denaro e Mentalità Finanziaria

 

Salute e Guarigione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*